Archivi categoria: MyCoworkingDay

I resoconti delle visite dello staff di Rete Cowo ai vari spazi di Coworking del Network: segui #MyCoworkingDay anche sui social network!

Siamo andati a Parma a provare il Cowo® CNA. Cronaca di una bella giornata in un bel Coworking :-)

coworking parma cnq

Un Coworking a Parma, non troppo distante dalla stazione? 

Per la nostra consueta attività #MyCoworkingDay la nostra coworker Cristina è andata a testare una giornata di lavoro e di Networking al Cowo® Parma/CNA.

Come si è trovata? E’ un posto che consiglia oppure no? Scopriamolo nel suo racconto! E anche sui social con l’hashtag #mycoworkingday :-)

Con Parma ho un rapporto speciale. Avete presente quando vi piace qualcuno e non sapete, a livello razionale, il perché?

Con la città emiliana è così: la conosco poco e quel poco che so è come se avesse fatto scattare in me quella bella sensazione di andare in un posto piacevole.

A questo si aggiunge che oggi cambio completamente zona rispetto a dove vado di solito, abbandono un po’ (si fa per dire perché la città è comunque piccola) il centro storico per spostarmi poco più in là, esattamente in via La Spezia.Federica Gambetta - Coworking Cowo CNA Parma

E già, oggi per #mycoworkingday lavoro dal Cowo® Parma/CNA.

Dalla stazione al Coworking, in autobus, ci impiego circa 15 minuti… ed eccomi qui.

Ad accogliermi trovo Federica che si occupa di comunicazione oltre a gestire il Cowo® per conto appunto della CNA.

A puntare sugli spazi condivisi e sull’importanza di fare rete, non sono stavolta dei privati, ma la Confederazione Nazionale dell’Artigianato che è entrata nel mondo del Coworking nel 2013.

Mi racconta Federica:

C’erano i locali e dopo aver conosciuto Rete Cowo® si è deciso di dare modo ai liberi professionisti di lavorare in uno spazio comune”

Cristina e Federica

(Mi sento molto vicina a Federica perché condividiamo le stesse passioni professionali: lei si occupa di ufficio stampa e io sono “dall’altra parte”, ossia faccio la giornalista)

Continua il suo racconto:

Le postazioni sono 11, e al momento abbiamo 9 Coworker.

9 Coworker che conosco pian piano, non appena varcata la soglia dello spazio.

Una cosa che dovrò fare in questa giornata è uscire evitando di dimenticare il badge: qui per entrare hai bisogno della tesserina magnetica.

Il che mi ricorda tanto il mondo delle aziende ma in ottica positiva: è infatti  solo una sicurezza in più per chi lavora all’interno del Coworking.

Oltre a permettere di lasciare le proprie cose in tranquillità, è anche una garanzia per chi si trova a lavorare fino a tardi. Infatti gli orari sono ottimi, allungandosi dalle 8 del mattino fino alle 22, più il sabato mattina.

Non so voi, ma trovo che uno spazio per lavorare dalla mattina presto fino a sera tardi sia davvero perfetto per un freelance.

Quante volte vi capita – come a me – di stare in giro tutto il giorno e di ricordarvi che dovete ancora mandare quella mail o consegnare quel lavoro, ma sapete che una volta varcata la soglia di casa sarà difficile fare tutto (vuoi perché c’è la famiglia, vuoi perché a casa ci sono sempre cose da fare?).

Oppure di dover fare quella call con l’estero e di aver bisogno di uno spazio riservato?

Ecco, il Cowo® di Parma risponde a tutte queste esigenze .

E dalla sua c’è anche il parcheggio gratuito per i Coworker.

Ma i motivi per cui il Cowo® CNA mi ha conquistato non sono solo questi, hanno a che fare anche con lo spazio.

Il Coworking ha infatti un open space con varie postazioni e un tavolo per le riunioni, tante prese per caricare pc e cellulari (i miei sono sempre scarichi!) e uffici, alcuni in condivisione, altri per persone che fanno parte della stessa realtà lavorativa.

coworking parma cna

Io oggi lavoro dall’open space e con me c’è Riccardo, che lavora in ambito assicurativo, come dipendente.

La dimostrazione che sempre più aziende e società scelgono l’opzione Coworking per i loro dipendenti.

Mi dice Riccardo, approfinttando di una pausa nel lavoro:

“Nel mio caso, era la soluzione più comoda visto che mi sposto di continuo tra Parma, Genova e Milano. Un ufficio tradizionale sarebbe stato troppo costoso”.

Conoscendo invece Nicoletta e Francesca, entro letteralmente in un altro mondo, quello di una cooperativa che lavora in Burundi.

Chiacchieriamo del loro lavoro, della bella bici che vedo in ufficio e che viene usata da loro per spostarsi finché, raccontando cosa avessi fatto di recente, mi trovo a parlare dell’evento CowoShare6 tenuto a Milano 19 gennaio 2019, in cui ho condiviso in pubblico la mia esperienza di Coworker “sempre in viaggio”.
coworking parma cna

Ovviamente non potevano certo sapere che tra le mie attività c’è anche quella di girare per spazi di Coworking e documentarli con i racconti di #MyCoworkingDay!

E poi succede una cosa: mentre racconto loro cosa ho “imparato” in questi anni, vedo il volto di Francesca illuminarsi: scopro quindi che si tratta di un’artigiana.

Lavora la ceramica ed è molto più di un hobby, è una vera e propria passione.

Però le piacerebbe gestirsi meglio:

Ho bisogno di spazi più grandi invece di ritrovarmi a lavorare solo in garage. Inoltre mi piacerebbe stare più a contatto con chi si dedica al lavoro manuale come me

Mi chiede se conosco Coworking che possano fare al caso suo, mi viene in mente Lascialascia che di recente ha adibito l’ex magazzino proprio agli artigiani, e anche diversi altri, consultabili sul portale specializzato CoworkingArtigiano.it.

Mi dice che le piacerebbe creare qualcosa di simile a Parma e così la metto in contatto con chi penso che la possa aiutare. E non è detto che da cosa nasca cosa.

D’altra parte il bello del Coworking è proprio questo: le connessioni insperate, inaspettate, anche in quella giornata di lavoro che sembra uguale a tante altre.

Il Cowo® di Parma, poi, offre davvero tanto ai freelance: 2 ingressi al mese per la sala conferenze e la sala riunioni, durante gli orari di apertura di CNA. E per chiunque abbia bisogno di tenere un evento che coinvolga più gente possibile, presentare libri, inaugurare un ciclo di incontri o fare una conferenza stampa, avere a disposizione una sala conferenze non è poco.Coworking Parma spazio Cowo presso CNA

Mentre per chi ha bisogno di spazi più piccoli, accanto c’è una bella sala riunioni (ideale anche per corsi di formazione con poche persone).

Al rientro da Parma, complice il cellulare scarico, mi ritrovo a pensare alla giornata di oggi, a come non si dovrebbe mai limitare la possibilità di conoscere nuova gente perché è sempre un arricchimento.

Non in termini di denaro, ma di qualità della vita e del proprio tempo. In fondo, il coworking nasce proprio per questo: per ricordare che sì, è vero che si ha bisogno di momenti di concentrazione e solitudine, ma che è solo in mezzo alla gente che le idee fluiscono e danno quella sensazione di poter migliorare le cose.

Vai alla scheda di presentazione del Cowo® Parma/CNA

Vai alla pagina Facebook del Cowo® Parma/CNA

CowoShare: giornata fantastica! Vedi tutte le presentazioni e le foto dell’evento “Coworking e Formazione”.

Cowoshare COWORKING E FORMAZIONE Milano 19/1/2019

Un’affluenza eccezionale – 80 persone da tutta Italia, in rappresentanza di altrettante Coworking community – un’energia positiva molto  coinvolgente, una serie di presentazioni che hanno tenuto l’attenzione a livelli alti per l’intera mattinata.

Questo è stato il CowoShare n. 6 su COWORKING E FORMAZIONE del 19 gennaio 2019, una bellissima emozione per noi di Rete Cowo® accogliere tutti insieme i nostri affiliati per l’incontro periodico di aggiornamento.

Il tutto iN una location davvero accogliente e di charme: io generosi spazi di Coworking Milano Bicocca Village.

E se per caso non riusciti ad essere presenti, in questo post trovate sia le presentazioni, sia le foto dell’incontro. Enjoy!


Presentazione di Cristina MACCARRONE:

Imparare con il Coworking, ovvero: Lavorare in 20 Coworking Diversi e Far Parte di Una Sola Grande Community

Presentazione di Gianni BARBON:

Insegnare il Coworking alle Aziende: Perché il Lavoro è Cambiato, il Mondo è Cambiato e anche io Stamattina Non Sono Quello di Ieri Sera

Presentazione di Antonino ZINNANTI:

I Giovani e il Coworking: al Lavoro per Imparare a Trovare Lavoro

Presentazione di Davide PROVERBIO:

Insegnare a Imparare: la Formazione in spirito Coworking, Dentro e Fuori gli spazi COWO®

Presentazione di Enrico MARCHETTO:

Guarda Mamma, il Marketing per il Coworking!

Presentazione di Massimo CARRARO:

Imparare a Vivere con il Coworking: Come ho Imparato a Non Preoccuparmi e ad Amare la Bomba

Gallery FOTO:

I partecipanti al CowoShare

Carraro - Cowoshare COWORKING E FORMAZIONE Milano 19/1/2019

Alcuni partecipanti al CowoShare

CowoShare: Laura Berni

Momento Relax al CowoShare

Presentazione al Coworking di Rete Cowo

Il sindaco di Partanna Nicola Catania al CowoShare

Massimo Carraro all'evento Cowoshare

Davide Proverbio Cowoshare

Rete Cowo - Cowoshare COWORKING E FORMAZIONE Milano 19/1/2019

Gianni Barbon all'evento Cowoshare

Davide Proverbio - Evento CowoShare

Enrico Marchetto - Cowoshare COWORKING E FORMAZIONE Milano 19/1/2019

Gianni Barbon al Cowoshare COWORKING E FORMAZIONE Milano 19/1/2019

Reception Cowoshare COWORKING E FORMAZIONE Milano 19/1/2019
Pubblico al Cowoshare COWORKING E FORMAZIONE Milano 19/1/2019
.
Per approfondire:
.
.

Arrivederci al prossimo Cowoshare!

My Coworking Day: abbiamo lavorato un giorno al Coworking Novara. E ci è piaciuto :-)

 

Cowo Novara MyCoworkingDayAlla ricerca di un Coworking a Novara? Bello anche da vivere, oltre che per lavorare?

Per #MyCoworkingDay la nostra coworker Cristina è approdata a Novara dove ha lavorato per un giorno al Coworking Novara. Ecco il racconto  di questa giornata. 

(E se volete restare aggiornati, cliccate sull’hashtag #MyCoworkingDay sui vari Social Network!). 

Quando arrivi in un posto in cui non sei stata mai, hai sempre una speranza un po’ sotterranea: conoscere gente con cui trovarti bene per potere fare al meglio quello che hai previsto.

Non sai mai chi ci sarà dietro la porta di un Coworking… eppure quelle sensazioni iniziali sono quelle che ti guidano durante tutto l’arco della giornata.

Al Coworking Novara provo subito una sensazione di familiarità non appena varco la soglia.

A dire il vero, mi conquista già da fuori, quando sono su via Pietro Micca: bellissime vetrine, insegna ben visibile e… citofono perfettamente in vista!

Bene: tutto chiaro, tutto giusto, mi sento già in un mondo che mi appartiene.

Cowo Novara Cvoworking Day

Mi accoglie Barbara, alla reception, e con lei un ambiente pieno di colori, con un divano e due poltrone che creano subito un bell’angolo relax.

Più in là noto dei tavoli grandi che con mia gioia scopro essere da ping-pong, adibiti però molto efficacemente a scrivanie condivise.coworking novara

Proseguendo il giro, questo spazio Coworking mi stupisce ancora.

A destra e a sinistra, i mini-uffici smart, come li chiamano loro: dei simpaticissimi Box, con sedute comode un po’ separate dall’open space per chi vuole incontrarsi con qualcuno, oppure fare una call, o semplicemente appartarsi un po’, quasi fossimo in un bistrot.

coworking novara

E poi il bancone dell’area lounge, di quelli belli che di solito vedi solo nei bar

“Lo abbiamo fatto fare su misura da un nostro falegname”

…mi racconta Barbara mentre mi prepara un caffè.

E io la ascolto seduta su uno degli sgabelli che più amerò di questo spazio, con tanto di pedali da bicicletta. Da amante delle due ruote, lo adoro!

coworking novaraCowo Novara Lounge Bar

Ma si può giocare davvero a ping pong?

Chiedo indicando i tavoli. E Barbara mi risponde:

Ma certo, ci vuole un secondo, basta mettere la rete.

Pensa che qualche giorno fa è venuto un signore che mi ha chiesto se gli potevamo affittare lo spazio proprio per venire a giocarci con il figlio. Be’, lo abbiamo fatto.

Così come abbiamo richieste di aziende che prevedono, dopo gli incontri lavorativi, anche questi momenti ludici…

E già, è un’ottima idea di team building, aiutano a costruire vicinanza tra le persone, divertendosi.

Prosegue Barbara:

Comunque di richieste strane ne riceviamo spesso, come quella di una madre che è voluta venire qui per far svolgere i compiti al figlio!

Cose che succedono quando uno spazio ha così tanta personalità: ti fa quasi dimenticare che sei lì per lavorare.

Qui a Novara, capita quasi di sentirsi a casa, tanto è piacevole l’atmosfera.

Ovviamente, come sempre, il motore sono le persone.

Salendo al piano superiore conosco Stella Design, la società che ha dato vita a tutto questo: incontro Violeta (“Il mio nome sarebbe con una t visto che è ucraino, ma tutti ne mettono due”… e io che vivo di continui errori sul mio cognome me lo appunto ben bene), Veronica e il resto della squadra.

coworking novara

Con alcuni di loro andrò a pranzo dove i discorsi cadranno su Novara, sul mare della Sicilia, sulla bellezza di Milano, sull’Ucraina…

Insomma: siamo a Novara ma è come se fossimo in giro per il mondo!

Rientrando al Cowo®, poi, incontro Claudio e altri suoi collaboratori che stanno facendo una riunione operativa. Riesco a intrufolarmi un attimo per conoscerli meglio:

Ci occupiamo di consulenza strategica per hotel…  prima lavoravamo in un’azienda, finché ci siamo messi in moto per trovare il nostro spazio, così siamo arrivati al Cowo® Novara.

coworking novara

Gli chiedo se conoscevano già Coworking Novara prima di sceglierlo:

Sì, grazie alla festa di inaugurazione!

Mentre lo saluto penso che – così come avviene per un locale o una mostra – vale sempre la pena “dare il via” anche all’attività di Coworking con un evento di inaugurazione, piccolo o grande non importa, ma aiuta sempre a farsi conoscere e rimanere in mente alle persone.

Il tour in compagnia di Barbara mi porta poi in altri spazi condivisi, sempre al piano sopra, scopro quindi la sala ideale per un corso di formazione o un meeting, con… qualcosa che trovo sempre utile: un bel balcone, accessibile da una grande porta-finestra, che regala una bella luce.

Fondamentale quando si fanno quegli incontri che durano ore, e magari senti il bisogno di un momento di aria fresca (per non parlare dell’importanza del terrazzino per chi fuma!…)coworking novara

Dopo di che ritorno al piano di sotto e… me lo godo.

Nel senso che lavorare in questo posto ampio, dove basta girare lo sguardo per vedere qualcosa di interessante stimola la mia creatività di giornalista.

Lo spazio Coworking Novara mi permette di avere la giusta concentrazione e di ritagliarmi il mio spazio, mentale e fisico.

Un dettaglio non scontato, che noto al centro dei tavoli sono le ottime prese elettriche multiple, nel posto giusto e in quantità giusta per tutto ciò che desideri caricare:PC, smartphone, tablet…nessuno resta senza presa elettrica qui, sai sempre dove attaccare la tua spina!

coworking novara

Le sedute sono molto confortevoli, e dalla mia comodissima postazione,  oggi che è una bella giornata – siamo a 28° e anche se è autunno io indosso i sandali – vedo il sole fare capolino dalla vetrata.

Anche questo è un plus: la luce naturale, la migliore per gli occhi di chi lavora. 

E se hai voglia di staccarti un momento dall’ambiente lavorativo, ti basta alzarti, percorrere due metri e sei subito all’esterno, all’aria aperta.

Coworking a Novara

Durante la giornata, diversa gente entra nel Coworking per chiedere informazioni.

C’è chi vuol creare un evento sugli oli essenziali, chi l’ha notato da fuori e vuole saperne di più, chi arriva su appuntamento…

Ma a un certo punto Barbara e Irene – che ci ha raggiunto nel pomeriggio – si alzano e cominciano a guardare l’open space con fare meditativo. Le sento ripetere più volte:

Dove li mettiamo?

E già, qui il 9 novembre prenderà forma un evento molto interessante: lo Speed Networking per professionisti!

In un breve incontro di 3 minuti si incontra un professionista, ci si presenta, gli si spiega in modo supersintetico la propria attività.

A spiegarlo sembra facile, ma… provate voi a cronometrarvi mentre spiegate che lavoro fate: vedrete che i 3 minuti finiscono in frettissima!

In compenso, l’attenzione da parte dell’interlocutore è assicurata, e naturalmente l’agenda è lì apposta per fissare un appuntamento successivo, con tempi più adatti a una presentazione completa.

SPEED Networking al Cowo Novara

Lo Speed Networking per professionisti è un ottimo esercizio di ascolto di chi hai davanti; inoltre ti stimola a sviluppare uno skill importante: la capacità di sintesi.

Partecipo con loro allo studio degli spazi per lo Speed Networking, ed è un piacere lavorare con loro, perché si vede chiaramente una cosa su tutte: la passione.

Quella che guida qualsiasi cosa tu faccia, da un evento gratuito per fare Networking, alla gestione quotidiana della Coworking Community , così da far stare bene chi vi partecipa, chi condivide spazi e giornate di lavoro.

E passione + lavoro secondo me stanno benissimo insieme. Se poi si trovano in un posto fisico – tipo via Pietro Micca 24/26 a Novara – ancora meglio ;-)

Visita CoworkingNovara.it

Vai alla Presentazione

Vai alla Pagina Facebook 

Un giorno al Coworking di Savona. Un Cowo vicino ai professionisti, ma anche… al mare.

Porto di Savona

Oggi per la nostra attività #MyCoworkingDay ci ritroviamo vicino al mare.

Data la stagione, non ci dispiace per nulla e… dopo aver conosciuto la Coworking Community di Savona Centro, ci saranno ancora più motivi di soddisfazione.

Ma una cosa per volta: la parola a Cristina, Cowo® Ambassador ancora una volta in viaggio alla scoperta dei Coworking d’Italia!

Oggi mi trovo a Savona, il mare è quello Ligure e la città è di quelle in cui, passeggiando sotto i portici, percepisci sia l’odore della distesa blu, sia il volto più rilassato di chi sa di avere la bellezza della natura a pochi passi.

Lo spazio Coworking di Savona Centro si trova vicinissimo al mare ma anche alla stazione, ai negozi, alla piazza principale, insomma: in centro.

Già prima di arrivarci ho come l’impressione che sarà una bella giornata.

Ad aspettarmi c’è Italo che, di fronte al mio consueto ritardo e al fatto che inizialmente non trovi l’indirizzo giusto (si trova in Via Paleocapa 21/A ma non è accanto al civico 21, bensì separato da una piccola strada)  mi risponde con un accogliente:

“Non ti preoccupare, ti aspettiamo e non vediamo l’ora di averti tra noi”.

E accoglienza è e sarà la parola d’ordine dal momento in cui esco dall’ascensore, per tutta la giornata.

Appena entrata, resto colpita dall’atrio dove ci trovo un divano, un bellissimo quadro e una bacheca con informazioni sul Coworking, ma anche volantini e manifesti su ciò che accade in città.

Questo Coworking mi si presenta con caratteristiche speciali: un palazzo d’epoca, stanze ampie, soffitti alti.

L’iconografia del Coworking lo descrive spesso in ambiente metropolitano, magari ex-industriale… a Savona nulla di tutto questo.

Ci troviamo infatti in un edificio storico, con grandi ambienti comunicanti tra di loro, e con presenza di un bel corridoio pieno di libri (sì, qui si fa bookcrossing!).

Punto di arrivo dell’alloggio sono due grandi sale in fondo, con addirittura il camino.

Ed è proprio in una di queste che oggi il Cowo® Savona Centro  ospita un corso di Sicurezza sul lavoro, a beneficio di alcuni funzionari di una banca locale.

coworking Savona

Ma ogni stanza ha qualcosa da raccontare e persone da cui “rubare” storie.

Nella prima, incontro Luca e Alexander – geometra il primo e tecnico informatico il secondo – insieme a Maria Pizzamiglio, che è tra i soci fondatori dello spazio Coworking.

Maria è di Finale Ligure, e subito ci mettiamo a chiacchierare sul suo lavoro, su dove vive, sulle scelte della vita.

coworking savona

È uno di quei momenti in cui sai che hai un lavoro da finire, tanti impegni che ti pressano dall’agenda, ma parlare con gli altri ti regala ossigeno… la sensazione è che la vita è qualcosa di più che lavorare dietro un computer.

E per un freelance, preso da mille scadenze e impegni, asdcoltare le storie degli altri è un toccasana.

Specie se, come me, fai il giornalista.

Italo è, invece, il mio cicerone della giornata… è lui che mi racconta quanto succede al Coworking durante l’anno.

Organizziamo corsi di yoga ma anche cene medievali, ci divertiamo perché c’è un sacco di gente.

coworking savona

E questa è in effetti la cosa che mi colpisce di questo Coworking: la varietà delle persone e delle professionalità.

Oltre ad Architetti e Designer, incontro poi anche Deborah, di professione grafologa.

Ne resto letteralmente affascinata.

Lavora principalmente con i bambini, con i quali svolge attività di rieducazione; si occupa inoltre di perizie per i tribunali. Mi dice:

Ho scelto il coworking perché cercavo una soluzione che non fosse impegnativa come un ufficio.

Ho conosciuto questo spazio qualche anno prima perché sono venuta per una consulenza e ho scoperto che per me era la soluzione adatta.

In effetti siamo in una stanza piena di colore e di luce:

Il posto ideale per i bambini. Spesso le mie attività di rieducazione prevedono che i bambini reimparino la manualità, il gesto della scrittura ed è importante che l’ambiente favorisca tutto questo. Devo dire che loro sono sempre molto a loro agio qui.

Stanza che, a giorni alterni, Deborah divide con Roberta, psicologa che lavora con l’arteterapia (e infatti i colori qui la fanno da padrone).

Poco più in là, nella stanza dove lavoriamo io e Italo, conosco anche Simona e Francesca: con loro parlerò più tardi perché ora devo concentrarmi sul lavoro qualche ora.

Il posto è tranquillo e, oltre ad avere tanto spazio, il fatto di essere in stanze separate, con massimo 4 persone, aiuta a concentrarsi.

In caso si voglia poi fare una pausa insieme, il divano all’ingresso e la cucina con torte e succhi di frutta sono un buon motivo (e una piccola tentazione!) per lasciare la scrivania.

coworking savona

Al momento del pranzo, in una piazzetta carinissima di Savona, ho modo di approfondire la mia conoscenza con Italo e Fabio.

Il primo, sempre tra i confondatori dell’associazione Co.Sa, di mestiere fa lo sviluppatore e lavora da remoto per un’azienda di Rapallo.

Scopro che non ha sempre vissuto in Liguria, ma è stato anche a Milano e che alla fine ha scelto di vivere in campagna e di fare ogni mattina la spola tra casa sua e Savona.

Vuoi mettere? Ho un posto dove posso staccare da tutto, posso coltivare delle cose e soprattutto la vista è splendida!

Fabio invece è pugliese, originario della provincia di Barletta, ma ha vissuto ad Alessandria dai suoi zii finché non ha deciso di trasferirsi in Liguria.

Ma i suoi cambiamenti non finiscono qui: fino a gennaio era dipendente, dopodiché ha deciso di mettersi in proprio.

Cosa fa? Il programmatore, ma non pensate a qualcuno chino sul computer tutto il giorno, proprio no!

Trasorriamo la pausa pranzo parlando di un sacco di cose: una siciliana e un pugliese in Liguria non possono che parlare… del Sud, ma poi passiamo a raccontarci della sfera lavorativa, e di quanto sia sfidante passare dall’essere dipendente al lavoro in proprio.

Su questo, l’ho anticipato solo di qualche mese, ecco perché mi sento di dargli qualche consiglio.

Il pomeriggio passa tra lavoro e qualche selfie (non ne siamo molto capaci a dire il vero), finché non scappo per prendere il treno verso Finale Ligure.

La stazione è vicina, quindi spostarsi negli altri comuni non è un problema.

coworking savona

E Finale, il giorno dopo, sarà la dimostrazione che il mondo è più piccolo di quanto crediamo: passeggiando incontro Maria.

Ci salutiamo, parliamo della sagra dove vorrei andare la sera e lei mi dà qualche consiglio.

Se dovessi scegliere in assoluto un motivo per lavorare in un Coworking, questo che ho provato al Cowo® di Savona sarebbe al di sopra di tutto: la sensazione di non sentirti mai solo, e di trovare sempre quello che cerchi.

Vi pare poco?

Vai al sito di Cowo® Savona Centro

Vai alla pagina Facebook di Coworking Cowo® Savona Centro

My Coworking Day: un giorno al Cowo di Urbino e… peccato starci un giorno solo!

Siete alla ricerca di uno spazio Coworking nelle Marche? Allora questo post è per voi :-)

La nostra coworker Cristina è stata al Coworking Urbino e… le è piaciuto!

Ecco cosa è accaduto, per la serie “MyCoworkingDay”.

coworking urbino

La mia ultima volta a Urbino risale a poco più di 15 anni fa, ero una  laureanda, tanti sogni nel cassetto e forse tutto avrei pensato fuorché che un giorno ci sarei tornata da libera professionista.

E invece, partire da Milano alla volta di Pesaro e poi prendere un bus per arrivare alla stazione della cittadina marchigiana – passando dal Centro Commerciale con tanto di ascensori che ti portano in centro… mi emoziona molto.

Ancor di più perché lavorerò in un posto che è nato per chi punta proprio sulla libera professione: il Coworking Urbino by Cowo® immaginato, voluto, fondato e portato avanti sin dal 2014 dalla bravissima Daniela Cini.

A dire il vero, i miei contatti con la città e i coworker iniziano la sera prima.

Conosco Beatrice e le sue amiche e passo una serata bella come se fossi con gente che vedo ogni giorno. E invece è la prima volta.

Questo approccio aperto non mi stupisce: è tipico di chi lavora in un Cowo®.

Fin dal primo momento, il team di Coworking Urbino si rivela all’altezza delle mie aspettative: umanamente gradevole, professionalmente irreprensibile.

 

coworking urbino

Cosa di cui ho conferma anche il giorno dopo, quando varcherò la soglia del Cowo® per svolgere la mia giuronata di lavoro.

Gli spazi si trovano in via Giro dei Debitori e per arrivarci – se sei a piedi e vieni dalla zona Duomo – beh, è una bella salita.

Ma dopo la scarpinata sei subito ripagato: non solo perché c’è una discesa (quasi la metafora della vita) ma anche perché poco più in là ci sono la Fortezza Albornoz e il Parco della Resistenza dove rilassarti e scattare bellissime foto panoramiche.

A suggeriremelo è Ervina, attualmente in stage al coworking.

La sua è una storia molto bella, viene dall’Albania e – tra le mille cose – fa anche delle foto straordinarie, che pubblica anche su Instagram.

Oggi mi trovo tra donne, ma il coworking ospita parecchie persone, tutti professionisti che svolgono attività diverse.

Oltre allo Studio Synthesis di Daniela – fondatrice del Coworking – è spesso presente un fotografo, una naturopata che si occupa di Fiori di Bach, de poi commercialisti, avvocati, imprenditori, free-lance…

Il coworking, d’altra parte, permette diverse possibilità: ci sono stanze che possono essere affittate per intero o divise con altri, c’è un open space all’inizio e una sala riunioni dove oggi lavoro io e dove spesso vengono organizzati corsi.

In questa stanza – dove c’è una cassetta con libri che possono essere presi gratuitamente (adoro!) –  il calendario dei corsi è ed è stato davvero fitto.

Tra le attività di formazione del Cowo® di Urbino: gestione dello stress,  comunicazione non verbale, photoshop e… scrapbooking con Rosy Mercurio.

Avete presente tutte quelle volte che dovete comprare un biglietto, personalizzare una comunicazione e tutto quello che trovate in giro vi sembra “dozzinale”?

Scopro, grazie a Beatrice, che lo scrapbooking permette di decorare in modo personale qualsiasi cosa: libri, quaderni, album di fotografia…  combina infatti alla perfezione creatività e manualità, anche per chi non è particolarmente pratico.

Beatrice mi mostra soddisfatta il lavoro che ha realizzato durante il corso e io aggiungo anche questa alle cose che ho scoperto grazie al coworking.

Ma il bello di questo Coworking è la terrazza.

Il panorama è stupendo (guardare per credere!) e affacciarsi qui dopo una telefonata magari concitata, una scadenza che incombe, una cosa di lavoro che non riesce… è davvero un toccasana. Così come le crescie sfogliate, che scopro essere un mondo a sé…

coworking urbino

A pranzo, il barista del locale sotto il Coworking ci accoglie a pranzo con tantissime cose buone da mangiare e, mentre chiacchiero, mi ricordo uno dei motivi per cui ho iniziato a fare la giornalista: perché ognuno ha una storia da raccontare.

E il coworking è fatto essenzialmente di storie.

Grazie, sia per la bella giornata di Coworking, sia per le storie di vita e lavoro che ogni giorno sapete portare avanti!

Vai alla scheda di presentazione del Coworking Urbino 

Vai alla pagina Facebook del Coworking Urbino 

coworking urbino