CowoShare: giornata fantastica! Vedi tutte le presentazioni e le foto dell’evento “Coworking e Formazione”.

Cowoshare COWORKING E FORMAZIONE Milano 19/1/2019

Un’affluenza eccezionale – 80 persone da tutta Italia, in rappresentanza di altrettante Coworking community – un’energia positiva molto  coinvolgente, una serie di presentazioni che hanno tenuto l’attenzione a livelli alti per l’intera mattinata.

Questo è stato il CowoShare n. 6 su COWORKING E FORMAZIONE del 19 gennaio 2019, una bellissima emozione per noi di Rete Cowo® accogliere tutti insieme i nostri affiliati per l’incontro periodico di aggiornamento.

Il tutto iN una location davvero accogliente e di charme: io generosi spazi di Coworking Milano Bicocca Village.

E se per caso non riusciti ad essere presenti, in questo post trovate sia le presentazioni, sia le foto dell’incontro. Enjoy!


Presentazione di Cristina MACCARRONE:

Imparare con il Coworking, ovvero: Lavorare in 20 Coworking Diversi e Far Parte di Una Sola Grande Community

Presentazione di Gianni BARBON:

Insegnare il Coworking alle Aziende: Perché il Lavoro è Cambiato, il Mondo è Cambiato e anche io Stamattina Non Sono Quello di Ieri Sera

Presentazione di Antonino ZINNANTI:

I Giovani e il Coworking: al Lavoro per Imparare a Trovare Lavoro

Presentazione di Davide PROVERBIO:

Insegnare a Imparare: la Formazione in spirito Coworking, Dentro e Fuori gli spazi COWO®

Presentazione di Enrico MARCHETTO:

Guarda Mamma, il Marketing per il Coworking!

Presentazione di Massimo CARRARO:

Imparare a Vivere con il Coworking: Come ho Imparato a Non Preoccuparmi e ad Amare la Bomba

Gallery FOTO:

I partecipanti al CowoShare

Carraro - Cowoshare COWORKING E FORMAZIONE Milano 19/1/2019

Alcuni partecipanti al CowoShare

CowoShare: Laura Berni

Momento Relax al CowoShare

Presentazione al Coworking di Rete Cowo

Il sindaco di Partanna Nicola Catania al CowoShare

Massimo Carraro all'evento Cowoshare

Davide Proverbio Cowoshare

Rete Cowo - Cowoshare COWORKING E FORMAZIONE Milano 19/1/2019

Gianni Barbon all'evento Cowoshare

Davide Proverbio - Evento CowoShare

Enrico Marchetto - Cowoshare COWORKING E FORMAZIONE Milano 19/1/2019

Gianni Barbon al Cowoshare COWORKING E FORMAZIONE Milano 19/1/2019

Reception Cowoshare COWORKING E FORMAZIONE Milano 19/1/2019
Pubblico al Cowoshare COWORKING E FORMAZIONE Milano 19/1/2019
.
Per approfondire:
.
.

Arrivederci al prossimo Cowoshare!

Palazzo del seicento. Vicino ai mezzi pubblici. Tutti i servizi. cosa si può chiedere di più a Coworking Genova Acquario?

Spazi Reception Coworking Genova Acquario

Davvero: quando uno spazio offre così tanto, così bene, in un punto così comodo della città, non si può chiedere di più.

E se anche provassimo a chiedere di più a Coworking Genova Acquario, questo Cowo® con le sue varie tipologie di postazioni, la sua ampia proposta di uffici, i suoi servizi di Printing Room e la disponibilità H 24… non sapremmo proprio cosa pretendere!

Se pensate poi che tutto questo accade al 4° piano di un palazzo storico del seicento – Palazzo Serra Gerace in zona Porto Antico – allora si può proprio dire che questo Cowo® offre tutto.

Anche dal punto di vista della comodità, gli spazi di Coworking sonoIngresso Coworking Genova Acquariodecisamente ben collegati: tramite la metropolitana (fermate “San Giorgio” o “Darsena”), l’autobus linee 1 , 9, 32 o 635 (fermata “Caricamento/Acquario”).

Per quanto riguarda il parcheggio auto, il Cowo® gode di una tariffa di favore presso il parcheggio convenzionato Park Marina Porto Antico.

Fortunati i coworker che approfitteranno di questi servizi…

E buon lavoro alla nuova Coworking community!

Vai alla presentazione di Coworking Genova Acquario
.

Interni spazio Cowo - Coworking Genova Acquario

Perché Coworking = Imparare. Tre domande e tre risposte con Massimo Carraro, Cowo® founder.

Massimo Carraro Rete Cowo Coworking Network

Massimo Carraro – oppure Max, come lo chiamano tutti – è il papà di Rete Cowo®.

Da quando ha pensato di condividere con altri professionisti gli spazi di Monkey Business, la sua agenzia di Comunicazione, non si è più fermato. Era il 2008.

Il progetto Cowo®, nato in quei giorni, si è sviluppato in una realtà nota e rilevante, e coinvolge oggi oltre 100 Coworking Communities e relativi spazi, in tutta Italia. 

Chi si occupa di spazi professionali condivisi lo ha incontrato almeno una volta, magari nei CowoCamp che organizzava già nel 2010, primissime occasioni di formazione in abito Coworking, oppure negli innumerevoli incontri pubblici in cui porta la voce del Network.

Dal 2016 ha lasciato ogni altro impegno professionale per occuparsi esclusivamente di Coworking.

Lo si può incontrare al lavoro sul suo desk, nell’open space del Cowo® Milano Lambrate… sempre che non sia in giro per l’Italia a visitare qualche spazio della Rete, a fare formazione, portare aggiornamenti, creare  incontri, lavorare con le amministrazioni locali, sviluppare iniziative. 

Il 19 gennaio a Milano ci parlerà di:

• IMPARARE A VIVERE CON IL COWORKING, OVVERO: COME HO IMPARATO A NON PREOCCUPARMI E AD AMARE LA BOMBA

Qualche domanda in attesa di sentirlo di persona all’evento. 

Cowo® – Max, perché il CowoShare6 punta tutto sulla formazione?

Massimo Carraro  – Per vari motivi.

Intanto, come ad ogni CowoShare, è fondamentale per noi di Cowo® mettere a fuoco un tema che abbia queste 2 caratteristiche:

1 – Sia di interesse per la Coworking Community nazionale

2 – Possa essere sviscerato attraverso testimonianze ed esperienze presenti all’interno del Network

Solo così si verificano le condizioni – a mio parere virtuose – per un vero apprendimento, peer to peer come dicono gli anglosassioni.

Uno scambio reciproco tra chi fa Coworking ogni giorno, facendo incontrare chi fa Coworking in Sicilia con chi lo fa in Canton Ticino, su un terreno tematico comune.

Questo vale sempre, per tutti i CowoShare, e quest’anno siamo al sesto incontro.

Riguardo la scelta della Formazione, ci è sembrato un aspetto sempre importante, su tutta la linea della “esperienza Coworking”, sia essa dal punto di vista dell’utilizzatore o da quella di chi offre gli spazi.

Tutti i soggetti che accettano di coinvolgersi in un Coworking si aprono a un processo di apprendimento.

Non per niente, nel Coworking, in tutto il mondo gira da sempre la frase

Working alone sucks

Lavorare da soli fa schifo… per tanti motivi, tra cui la mancanza di stimoli, la chiusura in sé,  l’alienazione che deriva dall’isolamento.

Ci pareva importante stressare l’aspetto di apprendimento che c’è sotto tutto questo.

Imparare a non stare da soli, a investire energia nelle relazioni, non solo nei task professionali.

E – last but not least – abbiamo nella Rete esperienze meravigliose, che meritano di essere conosciute da tutto l’ecosistema Coworking italiano.

Quindi eccoci qua, con il CowoShare6 dedicato a COWORKING E FORMAZIONE :-)

Cowo® – In che modo i Coworking possono essere luoghi di apprendimento, di crescita?

Massimo Carraro  – Il Coworking è un antidoto alla solitudine lavorativa.

Questo ci hanno sempre insegnato gli americani (inventori di questo approccio lavorativo), e questo ho personalmente riscontrato dal primo giorno in cui ho iniziato io, a Lambrate, il 1° aprile del 2008.

(Per inciso, la solitudine non riguarda solo chi utilizza gli spazi, ma anche chi li propone, aspetto sempre poco considerato, ma molto presente negli ecosistemi lavorativi).

Stare soli, lavorare da soli significa molte cose brutte, ma la più brutta è forse proprio questa: non impari niente.

Viceversa, vivere il proprio lavoro a contatto con altri professionisti di valore (e il fatto che siano in un Coworking di certo li qualifica come tali) permette di aprire canali di relazione, momenti di contatto, occasioni di dialogo che si traducono in un concetto molto semplice: impari cose.

Aggiungo che si tratta di un processo spontaneo, che coinvolge tutti, in uno scambio che può essere formale (eventi strutturati) o informale (interazioni minime, solo apparentemente banali).

Uno scambio che premia tutti.

Cowo® – Cosa significa il titolo del tuo intervento: imparare a vivere con il Coworking: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba?

Massimo Carraro  – Il Coworking è una bomba: ha rivoluzionato la mia vita, è diventato il mio lavoro, ha influenzato pesantemente il mio modo di pensare.

Tutto questo, anche se entusiasmante, ha una forza potente, destabilizza. Non è sempre stato facile per me, mi ha messo davanti a problematiche che non avevo mai affrontato, è stata (ed è tuttora) una sfida pazzesca.

Per dirla con un esempio: andare nel tuo ufficio e non sapere chi ci trovi da un lato è bellissimo, affascinante, dall’altro può anche crearti dei problemi.

Progressivamente, sempre aiutato dalla mia partner Laura e in un costante rapporto di correttezza e stima con la mia Community, sono riuscito ad amare questa bomba,  la cui potenza, a tratti, mi ha fatto anche paura.

Non dimentichiamo che una bomba nella bomba anche la mia creatura, Rete Cowo®, che per molti anni è stata sinonimo di Coworking in Italia, e tutt’oggi – con i suoi oltre 100 affiliati – ne rappresenta una parte consistente.

Al di là dei numeri, la forza esplosiva di Cowo® è nella proposta – secondo me estremamente rivoluzionaria – di poter fare un Coworking ovunque ci sia un ufficio e qualcuno con la mentalità aperta.

E infatti, succede, succede sempre di più, in luoghi di ogni tipo: non solo grandi città, ma piccoli centri, cittadine, borghi isolati. Nascono nuovi spazi Cowo® ovunque, si creano nuove Coworking community, e il Network si arricchiesce sempre più di energie, visioni, progetti.

In tutto questo, non solo si creano opportunità di guadagno e di networking, ma si facilita un cambiamento nella testa delle persone.

Sono parecchi i professionisti, i piccoli imprenditori, i consulenti di mia conoscenza che con il Coworking hanno iniziato un nuovo modo di pensare il proprio lavoro…

E non mi riferisco solo alle occasioni di collaborazione – ovviamente importanti – ma l’assunzione di un punto di vista nuovo. In alcuni casi, c’è chi ha cambiato lavoro, dopo che il Coworking aveva acceso i razzi dell’immaginazione, innestando un processo di cambiamento.

Per finire: il Coworking è una bomba che non si può non amare, se ti piace evolvere, crescere.

Io in questi ultimi 10 anni, ho imparato tantissimo, e tuttora non passa giorno che questo approccio al lavoro non mi faccia fare qualche passo avanti.

Relazioni, competenze, skill, pratiche, strategie, incontri… seguire il Network Cowo® è una missione che mi impegna a fondo, ma non manca mai di stimolarmi.

Massimo Carraro sarà relatore del CowoShare6  “COWORKING E FORMAZIONE” che si terrà a Milano il 19 gennaio 2019.
..
L’evento è gratuito ma è indispensabile la registrazione per poter ricevere il biglietto di ingresso, richiesto al check-in dell’evento.
.

LINK PER LA REGISTRAZIONE:

PROGRAMMA E INFORMAZIONI:

LOCATION:

VIDEO E DOCUMENTO DI PRESENTAZIONE:

.

Incontro Nazionale CowoShare Milano 2019 al Coworking Bicocca Village

Il Coworking Pubblico che lavora per trovare lavoro ai giovani. Tre domande e tre risposte con Antonino Zinnanti, Assessore di Partanna (Trapani).

Antonino Zinnanti Cowo G55

Nel Comune di Partanna (10.000 abitanti nella valle del Belice, in provincia di Trapani), è attivo ormai da tempo un ottimo esempio di Coworking Pubblico

Si chiama Coworking G55 Cowo® + FabLab e si è fatto conoscere sul territorio locale – ma anche nazionale – fin da subito, grazie a un approccio decisamente innovativo e aperto.

Utilizzando la sede di una struttura pubblica degli anni ’30 (dapprima convento, poi scuola, poi uffici comunali) in disuso da alcuni, si è quindi attivata una situazione di Coworking e FabLab molto ben strutturata, che non ha tardato a dare buoni frutti. Vedi qui la presentazione dell’iniziativa svolta al CowoShare5 “Coworking e Istituzioni”, il 30/9/2017.

Oggi, Gennaio 2019, abbiamo l’occasione di fare il punto su quanto questo progetto abbia insegnato e stia insegnando ai giovani del territorio, sulla spinosa questione dei temi lavorativi e occupazionali.

Fa piacere in questo senso riportare delle buone – anzi ottime – notizie. 

Attivissimo e super-propositivo sulle attività dello spazio Cowo® Partanna G55 è l’assessore Antonino Zinnanti, che ha accettato di venire a parlare al CowoShare6 del 19 gennaio 2019 con un intervento significativamente intitolato: 

  • I GIOVANI E IL COWORKING:
    AL LAVORO PER IMPARARE A TROVARE LAVORO

Nell’attesa di ascoltarlo di persona, l’abbiamo intervistato. 

Cowo® – Cosa sta insegnando l’esperienza del Coworking ai cittadini di Partanna?
E ai giovani in particolare?
.

Antonino Zinnanti – L’esperienza del G55 Coworking/Fablab sta coinvolgendo l’intero comprensorio provinciale.
.
Ci sono stati diversi incontri nei comuni vicini, che hanno destato entusiasmo, tant’è che alcune amministrazioni hanno pensato di ripetere il format del G55.
.
Il numero di aziende e professionisti che ci scelgono per una postazione è aumentata con ottimo riscontro, mentre una Startup e una fondazione hanno deciso di collocare la sede legale all’interno del G55.
.
Per quanto riguarda i giovani quest’anno, si sono generati 5 nuovi posti di lavoro, da gennaio due ingegneri informatici inizieranno a lavorare per aziende della Silicon Valley e a breve verrà pubblicata una call per altri due ingegneri meccanici.

Cowo® – 15 mesi fa, al CowoShare del 30 settembre 2017, abbiamo parlato di Cowo® Partanna come ipotesi di lavoro di grandissimo interesse, ai primi mesi di operatività.

Come si è evoluto il progetto? Cosa avete imparato?

Antonino Zinnanti – Il G55 Cowo Partanna si sta evolvendo in modo straordinario.

Si sono tenuti ben 18 eventi, tra seminari incontri formativi su temi tecnici e non solo, e 5 in seno al Coderdojo con un’adesione di circa 100 bambini.
.
Più di 400 studenti di Partanna e comuni limitrofi, provenienti da diversi indirizzi di studi, ci hanno scelto per seguire moduli formativi professionalizzanti in occasione dei progetti Alternanza Scuola Lavoro.
.
Si sono generati 5 posti di lavoro, come detto, e si sono
allocati all’interno della struttura 15 makers, tra aziende e professionisti.
.
Grazie agli sportelli informativi gratuiti, 4 team di giovani hanno presentato delle progettualità per gli incentivi di Invitalia.
.
Sicuramente, abbiamo imparato e constatato che il cambiamento di mentalità nei giovani non è semplice e che bisogna investire sulla formazione.

Cowo® – Cosa insegna l’esperienza del Coworking Pubblico di Partanna – lo ricordiamo: 10mila abitanti – ai progetti nelle grandi città?

Antonino Zinnanti – Il G55 Coworking Pubblico di Partanna può essere un esempio per le grandi città, perché integra in modo virtuoso realtà e servizi quali Fablab, Coderdojo, sportelli di informazione.
.
Questi ultimi, in particolare, hanno fatto del G55 Coworking un punto di partenza per tutti i giovani.
.
Il format del nostro Cowo® G55 è replicabile su qualsiasi comune, anche non grande.
:
Basta una struttura inutilizzata, o una stanza della biblioteca comunale, e una dotazione minima di attrezzatura: una stampante 3d, un paio di pc, qualche scrivania.

.
Non serve spendere molto: a fronte di un investimento di 3/5.000 euro, ogni comune potrebbe offrire questo grande ventaglio di opportunità.

Antonino Zinnanti sarà relatore del CowoShare6  “COWORKING E FORMAZIONE” che si terrà a Milano il 19 gennaio 2019.
..
L’evento è gratuito ma è indispensabile la registrazione per poter ricevere il biglietto di ingresso, richiesto al check-in dell’evento.
.

LINK PER LA REGISTRAZIONE:

PROGRAMMA E INFORMAZIONI:

LOCATION:

VIDEO E DOCUMENTO DI PRESENTAZIONE:

.

Incontro Nazionale CowoShare Milano 2019 al Coworking Bicocca Village

Se a Torino serve un Coworking, uno spazio eventi, una sala conferenze… Cowo c’è! Benvenuto Cowo Torino Cigna!

Spazio Cowo Torino Cigna.
Entrando, questo Cowo® vi potrebbe sembrare molto più di uno spazio Coworking… e in effetti, il Coworking Torino Cigna è una realtà dalle molte facce, e tutte interessanti.

Il Coworking di Loft Music And More a Torino sa essere postazione di lavoro, meeting room, ambiente per eventi, sala per conferenze, studio di registrazione: 300 mq in grado di assumere molte forme!

Spazio Cowo via Cigna Torino

E tutto questo in un quartiere oggetto di importante riconversione urbanistica che oggi si presenta con l’energia e il fascino di una riuscita riqualificazione.Spazio Coworking Torino Cigna by Cowo

A 4 km dal centro di Torino, parchi, fondazioni museali, studi di architettura e di design, gallerie commerciali e d’arte convivono all’unisono creando una atmosfera di felice laboriosità.Coworking a Torino Loft Music and More

A pochi passi c’è poi l’innovativo ristorante “Edit”, punto di ritrovo di oltre 2000 mq in pieno stile newyorkese che potrebbe essere definito a pieno titolo l’emblema della rinascita di questa zona.

Lo spazio Coworking stesso ha una rilevanza di tipo storico-culturale: è infatti al’interno della Ex-Sicme (Società Industriale Costruzioni Meccaniche ed Elettriche), la fabbrica dove ha lavorato diversi anni lo scrittore Primo Levi. Lo stabilimento è stato chiuso nel 2004, per essere poi riconvertito.

All’interno dello spazio Coworking, i servizi sono particolarmente curati, ed è in corso di realizzazione anche una cucina interna.

Tra le molte anime di questo interessante spazio, c’è infatti anche quella culinaria… ma ne parleremo più avanti!

Adesso la priorità è conoscere questo spazio dalle molte sfaccettature e la sua Coworking Community: appuntamento in Via Cervino 26 A!

Vai alla presentazione di Coworking Cowo® Torino Cigna
.

Cowo a Torino

 

Benvenuti in Cowo®, la Rete dei Coworking Indipendenti.