Archivi categoria: Lavorare in coworking

Le attività adatte al coworking e i professionisti che lavorano in spazi condivisi. Esperienze, interviste e testimonianze dalla rete Cowo e da altre realtà di coworking, in Italia e all’estero.

Coworking, aria aperta, pet therapy… intervista a Daniela Grenzi e Alessandra Ronchetti – Cowo Campogalliano/Modena.

Coworking community Cowo Campogalliano Modena A Campogalliano, vicino a Modena, proprio accanto all’uscita dell’autostrada, c’è uno spazio di coworking con caratteristiche straordinarie.

Si tratta del coworking Cowo Campogalliano/Modena, che unisce i vantaggi della condivisione collaborativa degli spazi al piacere della vita all’aperto, a contatto con una “fattoria degli animali” dove si sviluppano progetti di vario tipo, molti dei quali in ambito terapeutico.

E per chi lavora davanti a un computer tutto il giorno, anche solo due passi sull’erba significa riposare lo sguardo e la mente… il che può essere molto terapeutico!

Abbiamo chiesto ad Alessandra Ronchetti referente Cowo del Centro Armonico Terapeutico (seconda da sinistra nella foto) e a Daniela Grenzi, direttore scientifico, di rispondere a qualche domanda.alessandra-ronchetti-cowo

Come sempre gentilissime, hanno condiviso la loro visione con noi.

Ecco le loro parole.

COWO - Una piccola introduzione sul Centro Armonico Terapeutico e sul bellissimo luogo che lo ospita, che anche spazio di coworking.

Alessandra Ronchetti - Il Centro Armonico Terapetutico si trova a Campogalliano, alle porte di Modena, in un luogo di Cura e di Benessere, partner professionale della Cooperativa LUNEnuove: una sinergia nata dall’idea che Natura e Animali uniti ad approcci di Medicina Integrata contengono un potenziale terapeutico da mettere al servizio delle Relazioni d’Aiuto.

L’ambiente che accoglie chi cura e chi è curato è stato ristrutturato nell’ottica di ottenere un perfetto equilibrio uomo-ambiente-natura. L’eliminazione di ogni barriera architettonica e culturale è espressa dalla concezione degli spazi ampi, ariosi e comunicanti.

Il rispetto per ogni forma di vita si riflette nel mantenimento della struttura originaria dell’edificio e nell’ampio spazio verde esterno ricreato considerando i cicli della natura.

Un comodo parcheggio è in grado di accogliere i visitatori e i clienti del Centro.

COWO - Un luogo di coworking gestito da psicoterapeuti: è già interessante… potete dirci il percorso che vi ha portato a questo?

Daniela Grenzi - E’ vero, il nucleo iniziale era formato da psicoterapeuti anche se ora la “comunità” si è allargata e oltre a loro ci sono altre professioni della relazione d’aiuto: counselor, operatori di pet therapy relazionale integrata, musicoterapeuti, arteterapeuti, domoterapeuti e psicomotricisti. CAT Centro Armonico Terapeutico Modena

La risonanza che abbiamo avuto con la filosofia del coworking si riallaccia alla nostra scuola psicologica di riferimento ossia la psicologia analitica junghiana ma anche al pensiero di stampo buddista.

Entrambi gli approcci permeano il nostro intendimento di mondo e di lavoro. In entrambe le impostazioni è centrale l’idea di relazione: la mente si costruisce a partire dalle relazioni, l’idea buddista considera centrale il tema del non dualismo ossia della non divisione.

Senza entrare nello specifico, si deduce già da questa sommaria spiegazione che per noi è centrale la Relazione e la Condivisone.

Nel progetto Cowo ci siamo ritrovati perché abbiamo visto la traduzione operativa e concreta di uno stesso pensiero anche se traslato in un altro linguaggio.

COWO – Nel vostro coworking, alcuni membri della community sono a 4 zampe. Cosa si impara a lavorare tra gli animali?

Alessandra Ronchetti - Siamo convinti che lavorare insieme agli animali sia una grande ricchezza per noi animali-umani.Cowo Campogalliano/Modena: Romeo!

Si ha l’occasione di vivere relazioni autentiche e di sperimentare ogni giorno come anche gli animali, in quanto individui come le persone, hanno una loro personalità e unicità che vanno rispettati.

COWO – Appurato che a Campogalliano c’è un coworking forse unico al mondo, come vi sentite in relazione alll’ecosistema degli spazi di lavoro condiviso e – più in generale – alla sharing economy?

Daniela Grenzi - Rispetto alla sharing economy pensiamo di avere al nostro interno molte caratteristiche da essa perseguite.

A conferma di ciò vorremmo segnalare che siamo stati individuati da un gruppo locale , “Campogalliano in transizione” come base logistica per un training professionale del gruppo stesso. In particolare, anche in riferimento allo logiche di coworking da noi adottate, siamo risultati una realtà che condivide e porta avanti un pensiero di economia condivisa.

COWO – Il coworking non è solo scrivanie in affitto, come sappiamo bene tutti, ma soprattutto un modo di lavorare.

Si può dire che anche il team del Centro Armonico Terapeutico lavora con le logiche del coworking?

Alessandra Ronchetti - L’equipe del CAT è una grande famiglia che vive quotidianamente una realtà lavorativa intensa nell’ambito della cura attraverso la relazione con gli animali.

Le competenze e le attitudini personali di ogni componente si uniscono in progetti d’equipe multifunzionale, nei quali si oltrepassa la logica della pet therapy come consequenziale espressione della propria passione personale verso gli animali dando vita a scambi esperienziali grazie ai quali ognuno impara a dialogare con punti di vista diversi.

Ringraziamo Alessandra e Daniela per la loro cortesia e disponibilità, e rivediamo volentieri questo video, descrittivo delle attività che si svolgono a Campogalliano. A presto! 

Video coworking – Ingegneri di Verona, la nuova sede è open.

Un luogo decisamente straordinario, in un affascinante contesto di archeologia industriale: i Magazzini Generali di Verona.

Per i riferimenti di contatto:

BecomingOssola.com: Turismo Online nato al Cowo di Omegna. Con il Coworking Manager alla testa del progetto.

Becoming OssolaCos’è BecomingOssola?

E’ un sito innovativo di promozione territoriale e turistica della Val D’Ossola nato nello Spazio Coworking di Omegna dalla fine del 2013.

Ed è per questo che oggi ve ne parliamo, cogliendo l’occasione della partecipazione all’assemblea dei soci di StartUp Turismo – di cui Becoming Ossola fa parte – che si è recentemente tenuta a Bologna.

Tre imprese che frequentavano il Cowo di Omegna, hanno deciso di unire le forze per partecipare ad un bando promosso dal GAL Laghi e Monti del VCO. Obiettivo : valorizzare un magnifico territorio nel cuore delle Alpi.

La candidatura al bando è risultata la vincente.

Andrea Avogadro, coworking manager del Cowo, è anche il project Assemblea Associazione Turismo Ossolamanager del progetto, ed ha partecipato mercoledì 10 settembre all’assemblea dei soci di StartUp Turismo, che ha visto le  migliori start up turistiche italiane confrontarsi sulle strategie e sulle azioni per fare networking e per creare sviluppo nel settore del turismo digitale.

Il sito www.BecomingOssola.com è già attivo da fine giugno in una versione beta, e si sta preparando alla sua prima vera stagione, quella che inizierà con il Natale 2014.

Punta a raccogliere in un unico spazio online il meglio che può offrire la Val d’Ossola in termini di bellezze naturalistiche, eccellenze gastronomiche ed artigianali, peculiarità storiche e culturali.

Tutto questo trasformato in esperienze turistiche variegate e autentiche, da vivere in poche ore, oppure in uno o più giorni; da soli, insieme agli amici o in famiglia, alla scoperta di una natura intatta, di sapori unici, di una cultura secolare.

Prenotando le esperienze, si apriranno le porte di un mondo spettacolare, in particolare in termini di incontri e relazioni (come nel coworking…)  persone appassionate del loro lavoro, innamorate delle loro tradizioni, generose ed accoglienti con gli ospiti.

Navigare il sito e scegliere l’esperienza più interessante è semplicissimo: le categorie proposte sono varie, assecondare le proprie passioni ed interessi o lasciarsi guidare dall’istinto è davvero molto semplice.

Da un punto di vista generale, è per noi un vero piacere vedere progetti di valore (e portatori di lavoro, non dimentichiamolo) nascere negli spazi Cowo, tra coworker che si conoscono, imparano ad apprezzarsi e infine scelgono un percorso professionale comune.

Il prossimo appuntamento con Becoming Ossola è il 26-27 settembre, alla fiera NoFrills di Bergamo: non mancate! 

Becoming Ossola

 

Perché fare una giornata gratuita al Cowo? Perché per capire occorre sedersi e lavorare.

Coworking prova giornata gratuitaQuando si arriva in un coworking, non tutte le domande giuste vengono in mente subito.

I Cowo più organizzati ti consegnano del materiale stampato con alcune informazioni di base (prezzi, servizi, orari ecc), qualcuno ti fa fare il giro delle scrivanie, magari si crea l’occasione di un breve scambio con qualche coworker presente.

Eppure, la scelta del coworking migliore per le esigenze di ognuno passa sempre da un contatto un po’ più prolungato.

Perché per capire, occorre sedersi e lavorare.

Intanto, così si testa subito la connessione internet, non certo di poca importanza.

Poi si prova l’ambiente.

Come ci si trova a lavorare in quel luogo? Che effetto fa dopo 2 ore di lavoro? E dopo 6? Com’è la seduta? C’è rumore? Come si comportano gli altri coworker tra loro? Le ore scorrono piacevolmente, oppure si sente qualche problema? La persona che vi ha accolto è presente, collaborativa?

Per tanti buoni motivi, insomma, la giornata gratuita è da fare.

E se non la propone il Cowo di propria iniziativa, si può cortesemente richiedere.

[Foto: Coworking Cowo/Login]