Il Coworking Pubblico che lavora per trovare lavoro ai giovani. Tre domande e tre risposte con Antonino Zinnanti, Assessore di Partanna (Trapani).

Antonino Zinnanti Cowo G55

Nel Comune di Partanna (10.000 abitanti nella valle del Belice, in provincia di Trapani), è attivo ormai da tempo un ottimo esempio di Coworking Pubblico

Si chiama Coworking G55 Cowo® + FabLab e si è fatto conoscere sul territorio locale – ma anche nazionale – fin da subito, grazie a un approccio decisamente innovativo e aperto.

Utilizzando la sede di una struttura pubblica degli anni ’30 (dapprima convento, poi scuola, poi uffici comunali) in disuso da alcuni, si è quindi attivata una situazione di Coworking e FabLab molto ben strutturata, che non ha tardato a dare buoni frutti. Vedi qui la presentazione dell’iniziativa svolta al CowoShare5 “Coworking e Istituzioni”, il 30/9/2017.

Oggi, Gennaio 2019, abbiamo l’occasione di fare il punto su quanto questo progetto abbia insegnato e stia insegnando ai giovani del territorio, sulla spinosa questione dei temi lavorativi e occupazionali.

Fa piacere in questo senso riportare delle buone – anzi ottime – notizie. 

Attivissimo e super-propositivo sulle attività dello spazio Cowo® Partanna G55 è l’assessore Antonino Zinnanti, che ha accettato di venire a parlare al CowoShare6 del 19 gennaio 2019 con un intervento significativamente intitolato: 

  • I GIOVANI E IL COWORKING:
    AL LAVORO PER IMPARARE A TROVARE LAVORO

Nell’attesa di ascoltarlo di persona, l’abbiamo intervistato. 

Cowo® – Cosa sta insegnando l’esperienza del Coworking ai cittadini di Partanna?
E ai giovani in particolare?
.

Antonino Zinnanti – L’esperienza del G55 Coworking/Fablab sta coinvolgendo l’intero comprensorio provinciale.
.
Ci sono stati diversi incontri nei comuni vicini, che hanno destato entusiasmo, tant’è che alcune amministrazioni hanno pensato di ripetere il format del G55.
.
Il numero di aziende e professionisti che ci scelgono per una postazione è aumentata con ottimo riscontro, mentre una Startup e una fondazione hanno deciso di collocare la sede legale all’interno del G55.
.
Per quanto riguarda i giovani quest’anno, si sono generati 5 nuovi posti di lavoro, da gennaio due ingegneri informatici inizieranno a lavorare per aziende della Silicon Valley e a breve verrà pubblicata una call per altri due ingegneri meccanici.

Cowo® – 15 mesi fa, al CowoShare del 30 settembre 2017, abbiamo parlato di Cowo® Partanna come ipotesi di lavoro di grandissimo interesse, ai primi mesi di operatività.

Come si è evoluto il progetto? Cosa avete imparato?

Antonino Zinnanti – Il G55 Cowo Partanna si sta evolvendo in modo straordinario.

Si sono tenuti ben 18 eventi, tra seminari incontri formativi su temi tecnici e non solo, e 5 in seno al Coderdojo con un’adesione di circa 100 bambini.
.
Più di 400 studenti di Partanna e comuni limitrofi, provenienti da diversi indirizzi di studi, ci hanno scelto per seguire moduli formativi professionalizzanti in occasione dei progetti Alternanza Scuola Lavoro.
.
Si sono generati 5 posti di lavoro, come detto, e si sono
allocati all’interno della struttura 15 makers, tra aziende e professionisti.
.
Grazie agli sportelli informativi gratuiti, 4 team di giovani hanno presentato delle progettualità per gli incentivi di Invitalia.
.
Sicuramente, abbiamo imparato e constatato che il cambiamento di mentalità nei giovani non è semplice e che bisogna investire sulla formazione.

Cowo® – Cosa insegna l’esperienza del Coworking Pubblico di Partanna – lo ricordiamo: 10mila abitanti – ai progetti nelle grandi città?

Antonino Zinnanti – Il G55 Coworking Pubblico di Partanna può essere un esempio per le grandi città, perché integra in modo virtuoso realtà e servizi quali Fablab, Coderdojo, sportelli di informazione.
.
Questi ultimi, in particolare, hanno fatto del G55 Coworking un punto di partenza per tutti i giovani.
.
Il format del nostro Cowo® G55 è replicabile su qualsiasi comune, anche non grande.
:
Basta una struttura inutilizzata, o una stanza della biblioteca comunale, e una dotazione minima di attrezzatura: una stampante 3d, un paio di pc, qualche scrivania.

.
Non serve spendere molto: a fronte di un investimento di 3/5.000 euro, ogni comune potrebbe offrire questo grande ventaglio di opportunità.

Antonino Zinnanti sarà relatore del CowoShare6  “COWORKING E FORMAZIONE” che si terrà a Milano il 19 gennaio 2019.
..
L’evento è gratuito ma è indispensabile la registrazione per poter ricevere il biglietto di ingresso, richiesto al check-in dell’evento.
.

LINK PER LA REGISTRAZIONE:

PROGRAMMA E INFORMAZIONI:

LOCATION:

VIDEO E DOCUMENTO DI PRESENTAZIONE:

.

Incontro Nazionale CowoShare Milano 2019 al Coworking Bicocca Village

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *