Coworking e artigianato per Andrea Mareschi (CNA Parma): maneggiare con cura.

Andrea Mareschi Coworking Cowo

Andrea è un uomo che sa portare le idee al servizio delle aziende, dal suo spazio Coworking all’interno di CNA Parma.

Dire che “lavora per CNA” in un certo senso è riduttivo: chi ha incontrato la sua passione, il suo talento e la sua instancabile energia  lo sa. 

coworking-parma-cowocaffeNoi lo conosciamo e ascoltiamo da molti anni: fin dal ParmaCamp del 2011,  a cui è seguita l’edizione 2012 e 2013, e poi nel 2014,  quando – al nostro CowoCamp – ci ha parlato di “Coworking e CNA: racconto di un’impresa possibile”.

E poi per i CowoCaffè, per ImpresaPossibile, per tante occasioni di
incontro, scambio e confronto. Sempre interessante, sempre costruttivo.

A Milano si dice “Inscì a veghen”… ad averne, di gente come Andrea.

Mentre aspettiamo di sentire il suo intervento al CowoShare “COWORKING E ARTIGIANATO”, il 19 novembre a Milano, gli abbiamo fatto tre domande.cowoshare-coworking-artigianato

Cowo®: 
Coworking e Artigianato, dal tuo punto di vista: fenomeno reale o nicchia eccentrica?

Andrea Mareschi:
Non ancora fenomeno reale, ma non più nicchia eccentrica.

Forse, in questo momento di transizione tra il “non ancora” e il “non più” l’unica definizione a cui penso è “maneggiare con cura”. Sì, suona anche piuttosto bene.

Coworking e Artigianato: maneggiare con cura. Vorrei che suonasse come esortazione soprattutto per gli addetti ai lavori, come noi.

Perché se è vero che oggi ci troviamo di fronte a nuove forme di collaborazione tra imprenditori, spesso derivanti da nuove tecnologie e nuove modalità di fruizione, è altrettanto alto il rischio di utilizzare a sproposito un’etichetta banalizzandone il reale valore.  

Le forme di collaborazione, finalizzate alla trasmissione di un saper fare (o anche banalmente a un’ottimizzazione dei costi aziendali) ci sono sempre state.

Queste antiche forme di interazione tra “artigiani del fare” si possono definire coworking?

Cowo®:
Come vedi lo scenario dei Coworking Artigiani tra qualche anno?

Andrea Mareschi:
Non ho una risposta. Oggi credo ci troviamo sulla cresta di un’onda: il fenomeno è “cool” e viene spontaneo affibbiare questa etichetta a meravigliosi poli di aggregazione al cui interno giocano un ruolo di rilievo volenterosi appassionati/hobbisti, ma non imprenditori.

Se il focus resta questo, l’onda è destinata a infrangersi con il passare della “moda”.

Tuttavia negli ultimi anni si sono diffusi nuovi modelli di business, che hanno contribuito formare la definizione di “sharing economy”, anche i paradigmi organizzativi stanno cambiando con forza. 

Se gli imprenditori di oggi sapranno cogliere (e se noi sapremo raccontarlo bene) il vero valore di queste possibilità, allora l’onda potrebbe diventare alta e potente e anche i “Coworking Artigiani” potranno guardare oltre l’orizzonte delle stampanti 3d, della colla a caldo, o di un circuito con il logo di Arduino.

Cowo®:
Di cosa ci parlerai, il 19 novembre al CowoShare?

Andrea Mareschi:
Del ruolo di un’associazione di categoria.
Di errori.
Di futuri possibili.
Di un tentativo.
Di una mappa.
E di un sogno.

E dopo questa premessa, l’appuntamento del 19 si fa ancora più interessante. Grazie Andrea!

Registrati qui per partecipare al CowoShare su Coworking e Artigianato, a Milano il 19/11 

Vedi qui presentazione e programma 

Sul tema, ti potrebbero interessare anche:

FabLab? Coworking? Trenta minuti con Enrico Bassi di OpenDot, ospite di CNA Parma

[Video] Essere un coworking significa essere anche un po’ degli artigiani? Secondo “Artigiani | Think | Dream | Make” sì. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*