Dieci domande ad Alberto Mariani, da 5 anni Coworking Manager a Sovico (Monza Brianza).

Alberto Mariano Coworking SovicoEra il 2011 – esattamente il 10 gennaio – quando Alberto Mariani entrava nella Rete Cowo® con il suo bellissimo spazio di archeologia industriale a Sovico, in provincia di Monza Brianza, a pochi km da Milano ma in un ambiente culturalmente lontano dalla metropoli lombarda.

Da quel giorno, la ex-tessitura di Via Giovanni da Sovico 96 è stata molte cose diverse, e continua a proporre un’idea di spazio professionale condiviso in grado di attrarre talenti di molti tipi, che sembrano armonizzarsi nel momento in cui entrano al Cowo®.

Coworking community Cowo Sovico MonzaAlla vigilia del quinto anniversario di coworking, siamo andati a incontrare questa community.

Naturalmente, non ci siamo lasciati sfuggire l’occasione di fare…

Dieci domande ad Alberto Mariani, da 5 anni Coworking Manager a Sovico

Cowo:
Alberto, come si è evoluta la tua idea di coworking, in questi 4 ann
i?

Alberto:
All’inizio è stata principalmente la necessità di utilizzare uno spazio, ma abbiamo capito in fretta che lo spazio era collegato in modo importante con ciò che si svolgeva al suo interno.

Cowo:
E come vi siete mossi?

Alberto:
Abbiamo abbiamo cominciato ad animare lo spazio con eventi e attività varie, cercando di favorire la nascita di relazioni positive.

Un passaggio importante, poi, è stato l’arrivo dell’artista DarioCoworking a Sovico (MB) Brivio: con lui abbiamo trovato una bella spinta per creare la giusta attenzionalità allo spazio, anche grazie alle molte persone che ruotano intorno al suo lavoro.

Unendo le energie e le idee, con Dario siamo riusciti a fare molte cose.

Cowo:
Qualche esempio?

Alberto:
Intanto il lancio dello spazio di Dario all’interno del Cowo®… poi altri eventi, ad esempio quello deidcato agli handprint e blockpront con la famosa signora Zucchi, iniziativa che ha visto all’opera anche un artista che trae ispirazione dal mondo tessile.

Un altro importante momento di contatto tra lo spazio e il territorio  è stata la serata dedicata al paradigma dell’eccellenza italiana “Italian Factor” nel lavoro, con relazione del prof. Francesco Morace.

Nella stessa sera abbiamo anche avuto le performance artistiche di una musicista e dell’artista visivo Alex Sala.

Anche in questa occasione, il Cowo® ha fatto da aggregatore di persone e interessi qui sul territorio: la gente è uscita di casa per venire al Cowo® e partecipare a una serata molto stimolante.

Poi le Master class musicali, tenute sia nel 2014 sia nel 2015: attività di alto valore artistico, quasi 10 giorni di musica di livello.Coworking Sovico Andrea Micucci

E nate da uno dei nostri coworker, Andrea Micucci, che al posto della scrivania ha un pianoforte a coda.

Cowo:
Tutto questo è stato raccontato?

Alberto:
Certo! Non dimentichiamo che il primo libro italiano sul coworking è stato scritto sulle nostre scrivanie, prima di essere presentato in tutta Italia…

Postazioni in coworking a SovicoCowo:
Il coworking funziona solo nelle grandi città, afferma qualcuno.
Cosa ne pensi tu che gestisci un Cowo in un paese di 8.000 abitanti?

Alberto:
Non è così automatico… da un lato è vero che nelle nostre periferie si arriva un po’ dopo le città, ma alla fine l’esigenza c’è, e non appena la proposta viene compresa, è molto valorizzata.

Almeno, così è stato per noi.Spazio Coworking Cowo Sovico

Cowo:
Coworking e Brianza: che rapporto suggerisce questo connubio? Com’è stato recepito?

Alberto:
Non ancora appieno, in particolare dalle istituzioni, che si sono interessate ma non hanno approfondito.

L’interesse dei nostri amministratori finora è stato estemporaneo, speriamo che gli stimoli portati nel nostro piccolo ambito venissero rilanciati in scala maggiore da chi ne ha le possibilità istituzionali.

Cowo:
Spesso gli spazi di coworking trovano notorietà online, via web,  prima che sul territorio.
Voi come avete pensato di farvi conoscere nell’ambiente in cui operate?

Alberto:
Siamo costantemente alla ricerca di modi per dare sostanza al fenomeno del passaparola.

Crediamo che solo proponendo eventi e contenuti di valore si riesca a far passare un messaggio corretto, cioè che il coworking non è una moda passeggera o un’opzione meramente conveniente, ma qualcosa di importante, inerente alle relazioni e alla vita professionale.

Una piccola idea che però ci sta dando molta soddisfazione proprio con chi passa davanti al nostro spazio in via Giovanni da Sovico è il book-crossing.

Più di una persona, tra chi vive o lavora nelle vicinanze, ha trovato l’occasione di fermarsi ed entrare al coworking, grazie alla proposta dello scambio di libri offerta davanti alla porta del Cowo®.

Spazio Coworking a SovicoCowo:
Gli interlocutori del Cowo: dai coworker agli amministratori pubblici a…

Alberto:
Tra gli interlocutori del nostro spazio di coworking, ci sono diversi tipi di matrici.

Ci sono i professionisti, coloro che lavorano nei settori informatica, consulenza, coaching; poi la matrice artistica e culturale, molto forte grazie ai numerosi coworker attivi, anche con corsi ed altro  (peculiare e legato alla tradizione del territorio il corso di scultura del legno); infine il mondo produttivo legato a iniziative pionieristiche e di eccellenza.

Cowo:
In tutto questo qual è il ruolo della Rete Cowo?

Alberto:
Innanzitutto possiamo dire che l’idea dello spazio di coworking è correlata a un’idea di rete: non c’è coworking senza network.

Questo vale a tutti i livelli: informazioni, relazioni, sviluppo di progetti comuni.

Per noi questa è l’interpretazione della realtà del network Cowo®, che abbiamo avvicinato ormai quasi cinque anni fa: secondo noi il lavoro di Rete non sia finalizzato a se stesso ma parte da ognuno di noi per ricollegarsi al lavoro di molti altri, in un continuum virtuoso.

Cowo:
Nella tua normale attività professionale, come è vista la realtà dello spazio di coworking?Coworking Cowo Sovico

E’ vista con attenzione e con benevola partecipazione: ho ricevuto già varie volte manifestazione d’interesse da parte di miei contatti anche internazionali.

Non è detto che presto non vi sia, tra i nostri coworker, anche qualche cliente della mia società!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>