Barcellona, Bruxelles, Roma: cos’hanno in comune? Esatto: il coworking. Mattia Sullini reports.

Mattia Sullni
Mattia Sullini

Da Mattia Sullini, infaticabile cowomanager di Cowo Firenze/Combo, un post che ci racconta in poche dense righe tre avvenimenti molto importanti per il coworking europeo, svoltisi a breve distanza l’uno dall’altro. Grazie!

A Barcellona si è svolta la quarta Coworking Europe Conference.

Non potrei dire che ci sia stato un tema portante, ma forse questo la dice lunga sul fatto che la cosa sta maturando.

Non a caso molto spazio è stato dato alle iniziative in corso ed alla grande varietà che presentano, sia nelle presentazioni dal palco del primo giorno che nei workshop del secondo.

Barcellona stessa è una dimostrazione evidente di questa varietà con i suoi 100 e più spazi di coworking.

A Roma si è invece svolta la seconda edizione della Coworking Espresso, un incontro tra le realtà nazionali di coworking coordinata dai ragazzi del Lab121 di Alessandria ed aiutati da un bel gruppo che ha permesso di creare l’iniziativa con mezzi davvero ridotti. 

Il tema in questo caso era molto focalizzato sui rapporti tra coworking e pubblica amministrazione, anche se lo scopo non era, come si potrebbe pensare, quello di “battere cassa”.

L’idea invece è stata quella di cominciare a costruire una sorta di piccolo vademecum di buone pratiche che permettano alle amministrazioni ed ai funzionari più attenti di non dover ciascuno cominciare da capo e soprattutto di non correre il rischio di approntare progetti inefficaci, quando non addirittura dannosi per le politiche che si prefiggono di perseguire.

È stato fatto davvero un bel lavoro, molto pratico e concreto, dimostrando che non necessariamente si devono avere le stesse idee per lavorare bene assieme.

deskmag-coworking
Coworking Europe Conference

Terzo appuntamento: Bruxelles. Qui si è svolto un incontro sul coworking al Parlamento Europeo che ha segnato il varo dell’inclusione del coworking all’interno dei programmi di agevolazione dell’ecosistema europeo per le startup. 

Da lassù, i coworking vengono infatti visti come nodi di un’infrastruttura in grado di favorire, ospitare ed assistere la nascita di startup digitali in un ambiente collaborativo e stiomolante, un valore riconosciuto di per sè.

Per perseguire questo obbiettivo, è nato il progetto per un’associazione europea che si occupi specificamente di segnalare politiche efficaci e far interagire i progetti di coworking tra di loro e con l’Europa.

Nel video qui sotto il saluto di Neelie Kroes, Vice Presidente della Commissione europea, alla conferenza sul coworking, mentre sul blog di Combo trovate la trascrizione completa, con traduzione in italiano.

Molte cose bollono in pentola, nel grande magma del coworking europeo, stay tuned per gli sviluppi in arrivo!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>