Come farà la Regione Toscana a distinguere il coworking dalla fuffa?

Regione Toscana e GiovaniSì all'incontro sugli incentivi al Co-Working

Giorni fa abbiamo partecipato a un incontro in Regione Toscana, gentilmente invitati da GiovaniSì.

L’obiettivo del pomeriggio di lavoro – cui partecipavano Comune di Milano, Cowo Firenze/Combo, Multiverso, Tag Pisa e diverse altri progetti di coworking a vari livelli di sviluppo – era capire quali leve attivare per aiutare il coworking.

Aiutare il coworking = Creare incentivi economici.

Il dirigente della Regione, animato da  voglia di capire e desiderio di usare bene i soldi dei contribuenti, ha posto sul tavolo la questione dei “criteri” per qualificare uno spazio di coworking.

Ammettiamo che noi facciamo gli incentivi al coworking. Ammettiamo che gli hotel mezzi vuoti facciano domanda, che mettano a disposizione sale riunioni e scrivanie e wifi, che gli dico io a questi? So’ o non so’ coworking?”

La discussione ha infiammato il tavolo: da una parte il Comune di Milano faceva notare come – non facendo arrivare i soldi agli spazi ma ai coworker, con l’ormai noto sistema dei voucher + registro coworking accreditati – eventuali realtà interessate solo al vil denaro perderebbero in fretta interesse, una volta compreso che nessun incentivo economico arriverebbe direttamente a loro.

Rappresentanti di associazioni facevano presente il punto di vista di chi – pur non essendo iscritto alla Camera di Commercio – ritiene di aver comunque diritto a un aiuto.

Altri si ponevano il tema dell’assessorato competente: politiche sociali o sviluppo economico?

Titolari di spazi di coworking già attivi reclamavano giustamente il riconoscimento di mesi e anni di lavoro sul territorio, senza alcun aiuto né riconoscimento, tolto quello di… essere invitati a un tavolo ufficiale ;-)

Alla proposta di Cowo di

selezionare chi può dimostrare di aver svolto attività di coworking + networking online e offline per almeno 6 mesi

è stato risposto che

La Regione non può “valutare”, servono criteri precisi ed oggettivi.

Criteri precisi ed oggettivi: da quando in qua una community può essere oggetto di criteri precisi ed oggettivi?

La questione non è per nulla semplice e avvicina un orrendo quesito, che contraddistingue le sedi di discussione sul coworking più arretrate e disinformate, in quanto se ne parla ormai ovunque – e inutilmente – da anni:

Cos’è il coworking?

Per quanto ci riguarda, abbiamo fissato da tempo la risposta di Cowo nei 10 punti del nostro manifesto, che riportiamo qui sotto, ma capiamo bene che – per la Regione Toscana e tutti quelli che come lei non possono/vogliono valutare – la questione è spinosa.


Speriamo che la ricerca di criteri precisi ed oggettivi non finisca per escludere chi – in base a criteri del tutto arbitrari, personali, intuitivi, visionari e innovativi – ha inventato il coworking in Toscana, in Italia, in tutto il mondo.

In altre parole, invitiamo l’attore pubblico a sforzarsi di capire, trovare dei modi per dialogare con un pezzo di società che sta facendo quello che dovrebbe fare lui: innovare.

Se c’è riuscito il Comune di Milano, ad ascoltare, riflettere ed interagire in modo sensato con l’ecosistema coworking milanese (tra i più complessi d’Europa), ci possono riuscire anche altri.

C’è speranza. Purché si abbia il coraggio di valutare.

2 pensieri su “Come farà la Regione Toscana a distinguere il coworking dalla fuffa?”

  1. Mi permetto di lasciare un commento perché sono una praticante assidua del coworking, da quasi 3 anni, e dal 1999, mi occupo di finanziamenti pubblici (dalla parte di chi li riceve).
    Il merito principale dell’iniziativa del Comune di Milano è quella di essere il frutto di un’indagine accurata “sul campo”, grazie all’interazione con i promotori e gestori delle strutture, ma anche con i coworkers (durante il COWOCamp del 2012, il rappresentante del Comune ha ascoltato anche i nostri suggerimenti).
    Tutto questo lavoro (che è innegabile) si è dovuto tradurre in uno strumento che ovviamente ha dei limiti perché deve conciliare le esigenze/vicoli/necessità dell’amministrazione (che eroga denaro di tutti noi) e le esigenze dei potenziali beneficiari che devono trovare nelle strutture di coworking condizioni favorevoli al networking e allo sviluppo professionale (ma anche umano, secondo la mia modesta opinione).
    Forse lo strumento del voucher per i coworkers non è perfetto (anche per l’amministrazione richiede una sforzo gestionale importante), ma ha sicuramente il vantaggio di incentivare le strutture che hanno messo in atto gli strumenti che i coworkers stessi considerano utili e importanti sulla base di un criterio che nessuno può considerare non oggettivo: la scelta dei beneficiari finali.
    Ecco, dunque, il mio suggerimento per la Regione Toscana e per gli altri amministratori pubblici che ci stanno pensando: lasciate che siano i coworkers a distinguere il coworking dalla fuffa!
    Isabella Marchese

  2. Grazie mille Isabella, senz’altro un ottimo suggerimento, in linea con il modo migliore di gestire iniziative legate al coworking: pensare prima alla community.

    Peraltro, ci è parso di capire che per la Regione Toscana ogni possibilità discrezionale – quindi non legata a criteri oggettivi definiti con chiarezza – è da ritenersi non praticabile.

    E’ per questo che stimoliamo questi decisori pubblici a dialogare in modo più adeguato con fenomeni quali il coworking, che – per la loro natura – non possono essere catalogati in modi rigidi e schematici.

    A presto e buon Cowo!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>