“Contatto Cowo Torino”. Un esempio da seguire.

Pochi giorni fa, a tutti i Cowo del capoluogo piemontese, è arrivata una mail con oggetto “Contatto Cowo Torino” firmata da Cowo Torino/Crocetta, nella persona di Renato Dotto, che lo gestisce.

Leggendola, si capisce bene perché non ci stanchiamo mai di ripetere che

il coworking non è una questione di scrivanie o di spazi, ma di persone

esattamente questo è il senso della mail di Renato, esattamente questo è il senso del progetto Cowo.

Cowo è un’idea basata su due valori: molte relazioni, un po’ di convenienza economica.

Questi sono i due aspetti che invitiamo tutti a considerare quando si avvicinano a Cowo, più o meno con queste parole:

Ti  interessa solo il lato economico?
Lascia stare, ci sono modi più remunerativi di gestire uno spazio.

Ti interessa solo la relazione personale?
Idem, ci sono altri modi per fare più amici, più in fretta…
Ti interessa entrare in un network che favorisce gli incontri tra professionisti, 
guadagnando qualcosa dalla condivisione del tuo spazio?
Allora Cowo è per te! 

Ma adesso basta ciance, lasciamo la parola alla bella mail di Renato:

Buongiorno a tutti,

sono Renato Dotto del Cowo Torino Crocetta di Via Colombo 9.

Ho espresso a Massimo Carraro l’intenzione di condividere con gli altri punti Cowo della città uno scambio di idee in merito al coworking ed invio la presente a conferma di ciò e anche al fine di creare quelle sinergie necessarie al buon andamento del progetto e per non “disperdere” i potenziali coworkers.

La mia struttura è un classico ufficio (di consulenza aziendale www.renatodotto.it ) al piano terra di uno stabile in Crocetta con 2 stanze già occupate + una sala riunioni per un max di 14 posti, con relativa wi-fi di SimpleSpot (fantastica).

Ho ricevuto richieste da coworker per spazi più ampi e/o per orari diversi dagli abituali (9/18 dal lunedì al venerdì), richieste alle quali non ho potuto dare seguito considerando la mia attuale organizzazione interna.

Inoltre amici e/o clienti mi chiedono uno spazio idoneo per organizzare eventi di presentazione libri, esposizione di quadri, incontri per aggiornamenti professionali, riunioni, ecc., oltre a camere d’albergo per i professionisti itineranti che non intendono spendere cifre colossali ma, allo stesso tempo, avere un buon servizio.

Gli attuali punti Cowo presenti in città si differenziano per le caratteristiche, per i servizi, per l’ubicazione nonché per le postazioni diverse per i nomad worker e credo che ognuno di noi possa offrire un servizio complementare e di supporto agli altri (compresa la pista di atterraggio elicotteri :-). 

Per questi motivi credo che creare un rapporto comunicativo tra di noi possa essere di sicuro interesse per tutti: co-opetition! :-)

Vi chiedo quindi se riusciamo ad organizzare un incontro per approfondire gli argomenti e scambiarci le impressioni.

Sono reperibile oltre a questa mail, al n. 338.2340418.

Un cordiale saluto a tutti voi.

Buon lavoro e buona giornata.

Renato

P.S.
Max, verifica l’agenda, sarebbe graditissimo anche un tuo intervento :-)

[Aggiornamento] Anche a Milano stanno succedendo cosa analoghe, questa volta le persone da ringraziare sono Laura Rota e Paolo D’Altan di Cowo Milano/Romolo, che scrivono ai colleghi milanesi:

Ciao a tutti,
siamo Laura e Paolo di Cowo Milano/Romolo.
Il nostro spirito cowo-curioso si sposa con lo spunto di Max e gli indirizzi in chiaro: 
inviateci newsletter, pagine Facebook o quant’altro… riguardo noi di Rebelot ci trovate a questi link: Facebook.com/rebelot – Newsletter
Ciao e speriamo di conoscerci presto!

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>