Farsi finanziare uno spazio di coworking dalla rete: a New York c’è chi ci riesce.

Tutto ha inizio lo scorso aprile, quando Tony Bacigalupo, “mayor” di New Work City (uno dei maggiori spazi di coworking della Grande Mela), annuncia una nuova era per la comunità che vive e ruota attorno al loro spazio di coworking.

New Work City is a community first and a business second, and now we are going to have a chance to prove it.

La comunità è in crescita, lo spazio non è più adeguato.

La necessità di trovare un nuovo centro diviene virtù per Tony e i suoi coworker.

Dal giorno in cui il gruppo di NWC lascia la “vecchia” location inizia un vero e proprio coworking itinerante, affiancato da una raccolta fondi su Kickstarter con l’obiettivo di raccogliere 15.000 $ in poche settimane.

Il tentativo, coronato da successo nel giro di poco, ha dimostrato quanto può essere importante e creativa la forza di una comunità atipica, unita dalla visione collaborativa del lavoro e delle sue logiche (e anche dei suoi spazi, naturalmente).

Tutto lo sviluppo dell’operazione (incontri, eventi, progettazione degli spazi, acquisti, ecc.) è stato condiviso in rete attraverso foto, video, post… e chi più ne ha più ne metta!

Al team di New Work City e all’irresistibile Mayor Tony  i complimenti di Cowo per aver dato vita a una comunità decisamente sulla strada dell’autosufficienza, in grado da fare da battistrada per le altre “coworking communities” del pianeta.

Ancora una volta, e questa volta con tutta l’evidenza che sanno suscitare le cifre, si ribadisce un concetto importante del coworking:

Coworking is not about spaces, it’s about people.

NWC

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>